Finocchi gratinati con besciamella all’ arancia

 

Per partecipare al gioco di #seiincucina, questo mese, per recuperare un po’ dopo i bagordi delle feste, si potevano usare tanti ingredienti detox.

Ed io l’ho fatto, salvo poi, rovinare l’intento con l’aggiunta della besciamella.

Mi perdonate?

Ma si, certo, perché sono buoni questi finocchi e lasciano in cucina un profumo indimenticabile di spezie e arancia.

Vorrei farveli assaggiare, ma non posso, peccato…e allora ve li faccio vedere!

 

 

 

 

 

(altro…)

Straccetti di pollo mascarpone e sciroppo d’acero

 

Per il tema di #seiincucina di questo mese ho pensato ad una ricetta salata, che mi è venuta così, di getto, davvero senza pensarci tanto.

Ho preparato un piatto unico, affidandomi all’istinto, che mi ha davvero soddisfatto, nonostante inizialmente gli accostamenti mi sembravano un po’ insoliti, per non dire azzardati.

Ringrazio a questo punto il team che riesce ogni volta a mettere alla prova con successo la mia creatività.

 

Questa la lista degli ingredienti:

 

 

seiincucina-novembre

 

 

img_20161121_195257

 

(altro…)

Moscardini e piselli

 

A Roma oggi piove, vabbè, che dobbiamo fare, però nei giorni passati la primavera l’abbiamo sentita, eccome.
E viene subito voglia di piatti colorati, che portano l’allegria in tavola e che solleticano il nostro palato, con gusti freschi, leggeri e ingredienti di stagione.
Per il pranzo di oggi, moscardini con i piselli: facile, veloce, sano e profumato……………una bella ventata di aria di mare!

 

Ingredienti per 4:

1 kg di moscardini puliti
300 gr di piselli freschi sgranati
pomodorini
2 spicchi d’aglio
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
olio evo
prezzemolo
sale
peperoncino

 

 

In una padella ho fatto rosolare l’aglio sbucciato con 4 cucchiai d’olio, ci ho versato i piselli, i pomodorini ben lavati e il concentrato di pomodoro diluito in poca acqua.
Nel frattempo ho tuffato i moscardini in una pentola dove già bolliva dell’acqua salata, e appena è ripreso il bollore, li ho scolati e versati nel tegame con gli altri ingredienti.
Ho bagnato il tutto con un pochino di acqua di cottura dei moscardini, ho salato, ho aggiunto un cucchiaino di peperoncino tritato e ho fatto cuocere per circa 20 minuti.
Prima di servire ho unito del prezzemolo fresco tritato finemente.

 

 

Zucchine tonde ripiene di nasello

Salato, Secondi piatti | 21 novembre 2013 | By

 
 
Si avvicina il Natale e nella mia testa frullano soprattutto idee e ricette legate al periodo, soprattutto di dolci, profumati e speziati, farciti di frutta secca, glassati, decorati, biscottini “vestiti” a festa da appendere all’albero ben infiocchettati.
E così mi ritrovo a sfogliare riviste dedicate, a perdermi nel web, a “passeggiare fra le vetrine” dei vostri Blog. in cerca di idee ed ispirazioni.
Oggi però, sono qui a postare ancora una ricetta leggera e salutare, che ben poco a che vedere con i “sogni” golosastri della mia mente, ma che è pur sempre gustosa e che permette di mettere in tavola un secondo con contorno di facile esecuzione.
 
 

 

 

Ingredienti per 4:


4 zucchine tonde
600 gr di filetti di nasello
basilico fresco
aglio
olio
sale
pepe bianco
succo di limone
pangrattato

 

Ho tagliato la parte superiore delle zucchine e le ho scavate aiutandomi con un cucchiaino.
Le ho sbollentate in acqua salata (coperchi compresi) e ho rosolato in un tegame la polpa trtitata in maniera grossolana, con uno spicchio d’aglio, l’olio, il basilico e un pizzico di sale.
Ho unito, a questo punto nel tegame, i filetti di nasello, tagliati a cubetti e li ho portati a cottura aggiungendo una spruzzata di limone e una bella spolverata di pepe bianco.
Ho disposto le zucchine vuote e ben scolate in una pirofila da forno, le ho riempite con il contenuto del tegame, disponendo tutt’intorno la quantità che non entrava più come ripieno, ho irrorato tutto con olio di oliva e una generosa manciata di pangrattato miscelato ad un pizzico di sale.
Ho infornato a 180° per circa una mezzora, usando la funzione grill negli ultimi minuti.

 

 

 

Due ricette con il cavolo verza

 

Quante volte nella vita di tutti i giorni ci facciamo prendere dall’indecisione, dal timore di fare la scelta sbagliata.
Spesso ci troviamo proprio davanti ad un bivio, e siamo costretti a scegliere, o una strada o un’altra, temendo a volte di non poter tornare indietro, di non poterci più concedere un ripensamento.
Altre volte, le scelte non sono immediatamente obbligate, abbiamo tempo per riflettere e questo magari ci tranquillizza, rendendoci più sicuri.
Non sempre, per fortuna, si tratta di scelte di vita importanti, ma anche di banalità della vita comune, di leggerezze.
Allora è più semplice, ed io se posso, tergiverso un po’, oppure non scelgo proprio e mi incammino per due strade, mi prendo del tempo………..
E oggi, a proposito di banalità, ero in cucina, sola con la mia verza, e non sapevo decidere cosa realmente volessi farci.
E così, l’ho utilizzata in due modi differenti, ma si…………….doppia versione dello stesso ingrediente.

 

Ingredienti per i fagottini:


4 foglie di verza grandi
2 cucchiai di aceto
600 gr di macinato di vitella
1 cipolla rossa
olio evo
aromi per la carne
vino bianco per sfumare
4 fettine di asiago sottili

 

Ho sbollentato le foglie in acqua salata acidulata con due cucchiai di aceto di vino bianco e le ho poi messe ad asciugare in un colapasta.
Ho fatto imbiondire la cipolla tagliata molto sottile, in una padella con un filo d’olio, ho aggiunto la carne insaporita con degli aromi misti, l’ho fatta cuocere velocemente, ho salato e sfumato con mezzo bicchiere di vino bianco.
Ho disposto un mucchietto di carne su ogni foglia di cavolo, ho sistemato sopra una fettina di formaggio ed ho chiuso il “pacchetto”aiutandomi con dello spago da cucina.
Ho infornato per pochi minuti, bagnando con con il fondo di cottura della carne.

 

 

 

 

Ingredienti per il cavolo spadellato:


un cavolo grande (meno 4 foglie)
basilico tritato fresco
3 cucchiai di olive taggiasche sott’olio
olio
2 cucchiai di aceto balsamico di Modena
sale
pepe

Ho tagliato a julienne le foglie della verza, dopo averle ben lavate, e le ho versate in un largo tegame con olio basilico e mezzo bicchiere d’acqua. Ho fatto stufare a fuoco moderato fino a quando il cavolo è risultato morbido (ma non troppo).
 Ho aggiunto le olive, l’aceto balsamico e ho lasciato sul fuoco a sfumare per ancora due minuti, dopo aver anche salato e pepato.

 

CONSIGLIA Embossed cookies