Challah al miele e granella di nocciole

 

Per la Re-cake del mese di Gennaio, ecco pronta la mia challah, che è un pane della tradizione ebraica solitamente a forma di treccia, in questa versione romantica a forma di ghirlanda di rose.

E’ un pane bianco e morbido, non molto dolce, che si mangia in occasione dello shabbat o delle altre feste ebraiche.

Ho avuto, nel prepararlo, qualche piccolo problema di lievitazione, che si è dimostrata più lunga di quanto previsto dalla ricetta, colpa forse del freddo di questi giorni, ma vi assicuro che è

semplice da preparare, che è buonissimo, e che lascia la cucina invasa da un fantastico profumo di buono!

 

 

IMG_20160119_152354

 

 

Ecco qui la ricetta e le regole del gioco:

 


INGREDIENTI:
Per una challah di 24 cm di diametro
 
500 g di farina
10 g di sale
25 g zucchero semolato
9 g di lievito secco attivo
1 uovo grande
40 ml di olio vegetale
40 g miele
60 ml di acqua tiepida
2 cucchiai di miele diluito con 1 cucchiai di acqua bollente
 
PROCEDIMENTO:
 

Setacciare la farina nella ciotola, aggiungere il sale e mescolare bene. Aggiungere il lievito e mescolare ancora fino a quando sarà completamente incorporato. Aggiungere lo zucchero, l’uovo, l’olio e il miele e impastare.

Aggiungere gradualmente l’acqua fino a quando l’impasto è morbido.

Ungere una ciotola con un po’ olio, formare una palla con l’impasto, ungere leggermente anche l’impasto, coprire con pellicola e lasciare lievitare fino al raddoppio, circa un’ora a un’ora e mezza.
Rivestire una teglia con carta da forno e ungere i lati.

Mettere al centro della teglia un coppa pasta di 5 cm di diametro.

Dividere l’impasto in 2 parti uguali e stendere ogni parte fino a quando non si raggiunge uno spessore di mezzo cm (o anche meno).

Con un coppa pasta, ricavare dei cerchi di 6 cerchi.

Per fare le rose: utilizzare quattro cerchi di 12 cm e metterli in fila, uno sopra l’altro, affinché ogni cerchio si sovrapponga a quello sotto di esso, a partire dal cerchio in basso, stendere la pasta in un cilindro. Per stringere il cilindro, rotolare delicatamente sulla superficie di lavoro.

Usando un coltello affilato, tagliare il rotolo a metà. Posizionare ogni pezzo, con il lato piatto verso il basso nella teglia, lasciando circa 2-3 cm tra loro.

Ripetere i passaggi precedenti per fare abbastanza Rose per riempire la teglia.

Coprire e lasciare lievitare per 30-40 minuti.

Nel frattempo, scaldare il forno a 180 °C. Cuocere la challah in forno per 25 minuti fino alla doratura.

Durante la cottura, preparare la glassa: mescolare il miele con l’acqua bollente. Quando la challah è cotta spennellarla con la glassa di miele.

Lasciare la challah a raffreddare un po’ e poi toglierla dalla teglia usando un coltello affilato.
Lasciare raffreddare completamente su una gratella.

È meglio mangiare la Challah lo stesso giorno in cui si fa, tuttavia, può essere preparata prima, avvolta nella pellicola e congelata per un mese.

Se non si amano i dolci troppo dolci , evitare la glassa di miele e spennellare la challah con un uovo diluito con un cucchiaio di acqua appena prima della cottura.
 

 
INDICAZIONI PER PARTECIPARE!
 
Come sempre dovrete seguire la ricetta proposta da Re-Cake 2.0, potrete fare delle piccole personalizzazioni ma SENZA stravolgere l’essenza della torta.
Queste le indicazioni su cosa POTETE VARIARE rispetto alla ricetta da noi proposta:
– potete variare la farina
– potete variare la glassa
– potete fare delle aggiunte all’impasto

Tutto il resto deve rimanere INVARIATO.
 
Nel mio caso l’unica piccola aggiunta fatta è stato distribuire un po’ di granella di nocciole sopra la glassatura.
E probabilmente ho fatto anche l’errore di lasciare troppo spazio, fra una rosellina e l’altra, quando le ho disposte nella teglia e per questo si sono attaccate solo per una piccola parte.
 
 
 

 

IMG_20160119_152134

 

 

recake2.0- challah

 

 

 

Biscotti al marsala con nocciole e cioccolato

Dolci | 14 dicembre 2014 | By

 
 
 
 
Il Natale nella mia vita complicata è stato tante cose, tante emozioni diverse, in un’altalena di gioie e  dolori.
Ma quando si avvicina, porta sempre nel mio cuore uno stato di euforia, che non so ben spiegare, mi mette di buon umore, mi carica di energia, mi elettrizza l’anima.
Anche quest’anno, che il momento non è dei più rosei, che sono piena di preoccupazioni e di impegni, e la stanchezza fa da padrona, l’atmosfera magica che questa festività  in arrivo porta con se, mi rapisce ancora una volta.
 
 
 
 
 
 
 

(altro…)

Treccia dolce e impazienza

Dolci | 27 ottobre 2014 | By

 
 
 

 

Ero impaziente.
Volevo un dolce che profumasse di buono, volevo sporcarmi le mani d’impasto, leccarmi le dita.
Volevo il calore del forno per stare accoccolata sulla sedia di cucina, in attesa di sfornare qualcosa di goloso ma anche di bello.
Ma lo volevo subito senza aspettare una lunga lievitazione.
Sfogliando qua e la, fra mille ricette appuntate, ho trovato questa, la treccia che faceva proprio al caso mio.
 
 

 
 
 
Ingredienti:
 
 
150 gr di fiocchi di latte
75 gr di zucchero
1 uovo intero
1 pizzico di sale
6 cucchiai di olio
250 gr di farina
2 cucchiaini di lievito
6 cucchiai di crema alle nocciole
cocco rapé
40 gr di zucchero a velo
2 cucchiaini di succo di limone
 
 
Ho schiacciato i fiocchi di latte in una ciotola e li ho amalgamati con lo zucchero, aggiungendo poi l’uovo, il pizzico di sale e l’olio.
Ho setacciato la farina con il lievito ed ho unito i due composti continuando ad impastare fino ad ottenere una palla.
Ho lasciato riposare il panetto circa 15 minuti e nel frattempo ho riscaldato il forno a 200° e foderato una teglia con la carta forno.
Ho steso, quindi, l’impasto fino ad ottenere un quadrato di circa 40 cm per lato, l’ho spalmato con la crema di nocciola sulla quale ho fatto cadere una
generosa “pioggia” di cocco disidratato.
Ho arrotolato , tagliato il rotolo a metà in verticale e intrecciato facendo in modo che la parte con il taglio rimanesse esposta. 
Ho infornato la treccia per circa 25 minuti e dopo averla fatta raffreddare l’ho spennellata con la glassa di zucchero e limone e cosparsa di cocco rapé.
 
 
 

 

 

 

Torta alla zucca

Dolci | 1 ottobre 2014 | By

 
 
Sono ancora qui, per pochi giorni, poi , come vi ho già annunciato farò una pausa. 
Breve………spero!
Nel frattempo , per distrarmi, preparo un dolce soffice, autunnale, per quest’autunno che non arriva mai.
 
 
 

 

Ingredienti:
 
 
5 uova 
250 gr di ricotta vaccina
250 gr di zucchero bianco
300 gr di polpa di zucca
380 gr di farina 00 
80 ml di olio di semi
12 gr di lievito in polvere
essenza di vaniglia qb
una manciata di gocce di cioccolata fondente
 
 
 
 
Per prima cosa ho grattugiato la zucca.
Ho versato le uova intere in un mixer e le ho montate insieme allo zucchero.
Ho quindi aggiunto la polpa di zucca, la ricotta passata al setaccio, l’olio e la farina mescolata con il lievito.
Al composto ben amalgamato ho unito per ultima l’essenza di vaniglia e ho versato tutto in uno stampo apribile imburrato e infarinato.
Ho cosparso la superficie con le goccine di cioccolata ed ho infornato a 180° per circa 35 minuti.
 
 
 

 

Moscardini e piselli

 

A Roma oggi piove, vabbè, che dobbiamo fare, però nei giorni passati la primavera l’abbiamo sentita, eccome.
E viene subito voglia di piatti colorati, che portano l’allegria in tavola e che solleticano il nostro palato, con gusti freschi, leggeri e ingredienti di stagione.
Per il pranzo di oggi, moscardini con i piselli: facile, veloce, sano e profumato……………una bella ventata di aria di mare!

 

Ingredienti per 4:

1 kg di moscardini puliti
300 gr di piselli freschi sgranati
pomodorini
2 spicchi d’aglio
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
olio evo
prezzemolo
sale
peperoncino

 

 

In una padella ho fatto rosolare l’aglio sbucciato con 4 cucchiai d’olio, ci ho versato i piselli, i pomodorini ben lavati e il concentrato di pomodoro diluito in poca acqua.
Nel frattempo ho tuffato i moscardini in una pentola dove già bolliva dell’acqua salata, e appena è ripreso il bollore, li ho scolati e versati nel tegame con gli altri ingredienti.
Ho bagnato il tutto con un pochino di acqua di cottura dei moscardini, ho salato, ho aggiunto un cucchiaino di peperoncino tritato e ho fatto cuocere per circa 20 minuti.
Prima di servire ho unito del prezzemolo fresco tritato finemente.

 

 

CONSIGLIA Focaccia al pomodoro con crescenza al TABASCO®.